Danza Maori: Origini e Significato della Haka

Pubblicato da Redazione Notizie.it - il 17 settembre 2010 00:39

Condividi questo articolo

Commenta

La Haka, la danza dei Maori, è una danza tradizionale neozelandese, resa celebre dagli All Blacks, che la propongono come una sorta di rito inaugurale di ogni partita. Per questo, tutti conosciamo la Haka come una danza di sfida o di guerra.

L’articolo prosegue dopo il video

Basta guardare questi energumeni che mostrano la lingua, battono il petto e le braccia, che urlano e tengono gli occhi spalancati, come indemoniati.

In realtà, com’è facile immaginare, la Haka ha un significato preciso, che va ricercato proprio nelle sue origini. La parola Haka deriva da Ha (“soffio”) e Ka (“infiammare”) e significa “accendere il respiro”. Per questo la danza Maori diventa espressione dello spirito individuale, dei sentimenti, delle emozioni umane. Il tutto condito da una buona dose si aggressività, con l’intento di mostrare, e soprattutto trasmettere, forza e potenza.

All Blacks nell
Ma la Haka può essere anche manifestazione di sentimenti come la rabbia, il dolore, la gioia o la felicità. Si tratta di una danza tradizionale autentica per la piena libertà lasciata all’interprete, il quale può utilizzare ogni “strumento”, ossia ogni parte del corpo, in maniera personale e libera. Quei movimenti bruschi ed energici che a noi potrebbero apparire “accessori” nella Haka sono invece di fondamentale importanza. C’è pukana, ossia il dilatare gli occhi, whetero, fare la linguaccia come segno di sfida, ngangahu, una sorta di pukana che può essere fatto sia da uomini che da donne, e, infine, potete, il chiudere gli occhi in alcuni momenti della danza.
Fu un capo Maori, nel lontano 1820 a comporre la prima Haka, quella più famosa: Ka Mate. Questo è il testo, completo di traduzione.

Ringa pakia
Uma tiraha
Turi whatia
Hope whai ake
Waewae takahia kia kino

Ka mate! Ka mate! Ka Ora! Ka Ora!
Ka mate! Ka mate! Ka Ora! Ka Ora!
Tenei te tangata puhuru huru
Nana nei i tiki mai
Whakawhiti te ra
A upa…ne! A upa…ne!
A upane kaupane whiti te ra!
Hi!!!

Batti le mani contro le cosce
Sbuffa col petto
Piega le ginocchia
Lascia che i fianchi li seguano
Sbatti i piedi più forte che puoi

Io muoio! Io muoio! Io vivo! Io vivo!
Io muoio! Io muoio! Io vivo! Io vivo!
Questo è l’uomo peloso
Che ha persuaso il Sole
E l’ha convinto a splendere di nuovo
Un passo in su! Un altro passo in su!
Un passo in su, un altro… il Sole splende!!!
Hi!!!

La leggenda narra che il capo Maori Te Rauparaha, nascosto in un pozzo per sfuggire ai suoi inseguitori, pronunciò le parole KA MATE! KA MATE! (Io muoio! Io muoio!) quando questi vennero a cercarlo nel luogo in cui aveva trovato asilo. Sussurrò poi KA ORA! KA ORA! (Io vivo! Io vivo!) quando gli inseguitori andarono via. “Ka ora, ka ora! Tenei te tangata puhuruhuru nana nei i tiki mai whakawhiti te ra!” (Io vivo! Io vivo! Questo è l’uomo peloso che ha persuaso il Sole e l’ha convinto a splendere di nuovo!) fu il ringraziamento diretto a Te Wharerangi, che aveva offerto rifugio a Te Rauparaha.

Fonti: Pino Volpe – Wikipedia

Guarda anche questi siti

Sponsored links, powered by Yahoo!

1 Commento

Rispondi